Stegal67 Blog

Wednesday, November 07, 2007

Nel post precedente a questo c’è un bel commento da parte di Stefano Zonato che mi dà lo spunto per questo intervento: stavo per scrivere una risposta in merito, un altro commento, poi mi sono accorto che la questione è lunga e complessa. Allora ho pensato di intervenire con un nuovo post: questo. Innanzitutto questo post avrà come firma:

“Stefano, che risponde a Zonori ma non ce l’ha assolutamente con lui, ha solo usato il commento come spunto per una ulteriore riflessione”

Prima il commento di Zonori (n. 6 del post precedente)
“Intervengo perché ho un dubbio in mente: ma questo lavoro di raccolta di articoli, foto, interviste, ecc. dell’annata agonistica 2007, riguarda solo ciò che è apparso sul sito www.fiso.it o abbraccia anche altre “libere” forme di informazione?Voglio dire, è un prodotto della Fiso, o una raccolta nata dall’ingegno e dalla passione tua e di altri liberi pensatori?Magari l’hai anche spiegato nel tuo post ma sai, dopo i 50 la comprensione si fa sempre più lenta ...” (firmato Zonori, che ringrazio)

Risposta by Stegal67:
Non è vero che dopo i 50 la comprensione si fa lenta, ma che dopo i 40 (i miei 40) l'italiano si fa contorto.
L'obiettivo dei 6,2 mega (ora 6,4 mega, colpa di Matthias Merz! ... vedrete domani...) non è chiaro nemmeno a me.
Recentemente ho colto alcune impressioni in giro, sia in ambito istituzionale che in giro per i vari parterre delle gare, che mi hanno dato un po' da pensare; credo che ci sia un po' di confusione sia sul tipo di impegno che si sta mettendo per tenere vivo il sito Fiso (parlo solo della parte “News sulle gare”, perchè è di questo e solo di questo che mi occupo), sia su quali sono i costi e l'onere per chi si fa carico di questo impegno. Non di rado sento dire "voi scrivete due cose e vi sentite chissachì...". Oppure c'è chi mi esprime aspettative e desiderio (e relative successive critiche) per un lavoro assai più professionale con tempi ben più contingentati, pensando all'esistenza di una squadra di redattori tipo Gazzetta dello sport.
E poi ci sono anche quelli che puntualmente, invece, ringraziano e si complimentano (I LOVE YOU ALL).

Però è frustrante ripetere ogni volta che l'impegno è completamente su base volontaria, non retribuito (nemmeno i famosi "favori femminili" che citavo per scherzo nel lontano 2002), fatto da persone che si prestano di volta in volta rubando tempo ad altre questioni. Se mi sento ripetere un’altra volta che il mio stipendio me lo pagano gli orientisti con la tessera e l’iscrizione alle gare, penso che userà la testa della persona in questione come...Lasciamo perdere. Lo stipendio a me lo paga il datore di lavoro, non la Fiso!

Poiché, appunto, il livello di brusio è crescente in vari ambiti, e poiché evidentemente non ho molto potere di persuasione, ho pensato che avrei potuto rovesciare la questione radunando un bel tomo e chiedendo il giudizio di chi questo tomo se lo vede scaraventato sul server di posta elettronica (giusto per usare una immagine eloquente). Per la serie: “Se 6,4 mega non vi bastano...”.

Poi io sono assolutamente d’accordo con chi mi dice che i 6,4 mega potrebbero anche essere 64 mega o 640 mega, e che i problemi ugualmente non sarebbero completamente risolti. L’informazione non è fatta di soli resoconti dai campi di gara ma è fatta anche di tante altre cose che, da tesserato, giudico potrebbero essere più complete e più esaustive (Zonori ne cita alcune). Ma io non sono in grado di farlo, o non sono in grado di fare anche questo. Penso che la situazione sia comunque un po’ evoluta rispetto a qualche anno fa (e lo dico con tutto il rispetto per le persone che ci lavoravano qualche anno fa, probabilmente con mezzi ancora minori), ed è questo che intendo quando dico “vorrei poter dire di aver contribuito a portare la situazione dal punto X al punto Y”. E vorrei poter lanciare in avanti un altro stadio della missione Apoll-O, come il secondo stadio lanciò il terzo prima di precipitare ed inabissarsi; così mi inabisserò anche io, sapendo che la missione proseguirà.

Per concludere, dopo questa nota di pura poesia... le risposte più brevi:
- la raccolta è solo relativa a quanto apparso sul sito federale, penso che il motivo lo si percepisca dalla spiegazione quassopra, ma con questo NON voglio assolutamente disconoscere o negare l’esistenza di altre forme di informazione ugualmente se non più degne o importanti o ben realizzate; anzi, ultimamente sto cercando di porle sempre più in evidenza anche all’interno dei pezzi sul sito. D’altronde non potrei fare altrimenti, non potendo essere contemporaneamente su diversi campi di gara (ossignur... l’ho fatto una volta) e non trovando sempre il redattore disponibile;
- la raccolta è, e insieme non è, un prodotto della Fiso: arriva ogni anno un momento nel quale la Fiso mi chiede di accorpare in una unica raccolta il materiale pubblicato, ed io ogni anno l’ho fatto. Diciamo che quest’anno dietro al compitino di fine anno c’è anche una soddisfazione personale nel vedere la mole del materiale. Ma avrebbe potuto farlo chiunque ha accesso, anche in sola lettura, al sito.

Un’ultima cosa: qualche tempo fa Zonori ha pubblicato sul suo sito (un sito che consulto sempre volentieri perchè imparo sempre qualcosa... anche se il finlandese è lingua ostica) un post, questo:
http://zonori.blogspot.com/2007/09/benvenuti-welcome-wilkommen-tervetuloa.html
Stefano! Non è vero che nessuno lo fa: stavolta ti avevo preceduto :-) ))
http://www.fisolombardia.it/public/lanternino/06_03.pdf pagine 4 e 5 del numero 3\2006 del Nuovo Lanternino. Vabbé, l’elenco non era completo ed anzi è cresciuto a dismisura (anche grazie a Zonori, a Rusky, Ori-master e tutti i blog linkati che si incrociano sul web), ma per una volta almeno ero arrivato per primo :-)

Un saluto a tutti, anche le pecorelle nere, un saluto amichevole perchè siete (nessuno escluso) la mia famiglia allargata.

Firmato: Stefano, che risponde a Zonori ma non ce l’ha assolutamente con lui, ha solo usato il commento come spunto per una ulteriore riflessione (come dicevo quello che dicevo). E spera di aver fatto sorridere, così come quando vedo Zonori che sorride quando ci incrociamo sui campi di gara, che sia un campionato italiano o la promozionale al Parco delle Coste di Trento.

12 Comments:

At 2:29 PM, Blogger zonori said...

This comment has been removed by the author.

 
At 2:34 PM, Blogger zonori said...

Azz ... il Nuovo Lanternino, non ci avevo pensato!
Vabbè, accetto di buon grado il secondo posto.
Grazie delle risposte ... e del post a questo punto.
Comunque, per essere chiari io non parlavo di compensi, in quanto già a Deggendorf mi spiegasti la situazione, ma semplicemente chiedevo quale fosse lo spunto, il metodo, le fonti di un lavoro così impegnativo.
Non ho ancora visto il lavoro ma ormai so di cosa stiamo parlando. Senza tema di essere smentiti possiamo quindi fregiarci di affermare che un grosso passo avanti è stato fatto (te ne do atto), e se vuoi possiamo anche stabilire di essere passati, nel settore dell’informazione, da x a y.
Mancherebbe dunque solo la z per completare l’opera.
Per giungere a destinazione a mio parere è però a questo punto necessario battere anche strade alternative, perché un buon degustatore non va solo dall’oste a chiedere se il suo vino è buono.
Io penso che sul sito ufficiale della federazione si dovrebbe poter leggere anche delle nostre “sconfitte” e delle cose che non vanno, senza timore, altrimenti sarebbe come raccontare la storia in maniera non obiettiva. Continuare a celebrare solo trionfi e a osannare tracciati di gare “modeste” o cartine “improbabili” diventa Propaganda, e non Informazione.
La nascita di così tanti siti internet dove le persone si raccontano, commentano, discutono, è la risposta più evidente a una esigenza che il nostro “governo” non è in grado di soddisfare.
Il mio blog, il tuo, quello di Alessio, di Laura ... non sono luoghi di cospirazione e di ribellione, come qualcuno ha cercato di far credere, ma mezzi straordinari di comunicazione, dove le notizie circolano, i pareri si intrecciano, le proposte fioriscono, con l’unico scopo di giovare al nostro movimento.
Se mi metto a criticare l’ultima edizione del Regolamento Impianti non è perché ce l’ho su con Gabriele o con la Fiso (qualcuno purtroppo è convinto di questo), ma perché vorrei che non ci fossero più equivoci, e che le regole dell’Orientamento fossero migliori di quelle del calcio.
Concludo con una esortazione che ti riguarda: non pensare già da ora che il tuo contributo sia destinato a inabissarsi. Quella che stai correndo è una staffetta con frazioni piuttosto lunghe e con parecchie scelte di percorso da valutare.
Arrivare alla z è un obiettivo prestigioso e quindi è corretto dedicarvi la massima cura.
Poi sai ... ci sono le incognite alle quali non siamo preparati ... uno sforzo aggiuntivo non preventivato che ci viene richiesto ...
A proposito ... lo sapevi che la z è solo la quart’ultima lettera dell’alfabeto finlandese?

 
At 6:55 AM, Anonymous rusky said...

Stegal, pensavo di stampare il tuo post ed appenderlo all'entrata della palestra di Venezia, in modo che almeno 3000 persone lo possano leggere e capire che non fai il secondo lavoro...-)); scherzando, potrei dirti di aggiungere il tuo nome a quelli citati da Zonori nel suo blog: "Stefano Galletti si è dimesso da capo ed unico redattore del sito federale, il suo posto viene preso da Mr.Owen, che sa lingue straniere, ragiona meglio, e non è un pseudo giornalista ticinezzato.."
A parte ciò, sai benissimo che quando ti metti in gioco come scrittore o speaker, sei sottoposto al giudizio, non sempre benovolo degli altri, ai quali non gliene importa nulla se sei volontario, ma in quel momento tu rappresenti la controparte, che può essere la Fiso o la società che organizza la gara! Come hai sperimentato, la parte distruttiva del movimento è minoritaria, ma fa più chiasso di quella maggioranza silenziosa che si limita a dire bravo. E' normale che quando scrivi un pezzo "propagandistico" i vertici approvino, altrettanto logico sarebbe se tu scrivessi qualche critica (invocata da Zonori) che qualcuno ti chiedesse: "ma tu chi sei per giudicare?". Ecco quindi che non ti rimane che il blog per dire qualcosa di tuo senza paura di censure. Comunque grazie per quello che fai nei fatti e non a chiacchiere. Quando avrai terminato la scuola di giornalismo e verrai stipendiato regolarmente dal mio 5 per mille, allora pretenderò la tua presenza a bordo cartina!
A proposito: c'è solo una persona che ti odia quando citi i suoi risultati positivi.....

 
At 12:30 PM, Blogger zonori said...

Non ho capito la battuta di rusky ma non vedo perché Stegal dovrebbe dimettersi, dopo tutti gli attestati di stima che riceve (il mio per primo ... anzi no, per secondo).
Esiste una parte distruttiva del movimento? Tu conosci qualcuno che ne faccia parte? E in che modo tenterebbe di distruggere? Non è che per caso hai scoperto il misterioso lestofante che ha fatto sparire della documentazione in Segreteria, e non vuoi dirci chi è?

 
At 1:25 PM, Anonymous stefano said...

Arrivo adesso dalla riunione coi lussemburghesi, per fortuna loro hanno le stesso vocali e consonanti di noialtri :-)
Ringrazio ovviamente Zonori e Rusky per le belle parole. Credo che il lavoro da fare sia ancora molto molto lungo, e forse più che alla lettera Z occorrerà pensare ad un percorso che vada a coprire anche le famose 4 lettere dell'alfabeto finlandese e magari spingersi sul cirillico ed il cantonese...
Sono anche consapevole del fatto che i miei commenti sono stati (spesso? qualche volta?) benevoli anche nei confronti di situazioni poco difendibili. Ognuno si sarà fatto una idea, ugualmente validissima, se ciò che ho scritto in questi anni siano state solo le visioni di un tesserato che vede il bicchiere mezzo pieno anche quando è quasi vuoto, o propaganda, o il nascondere i problemi sotto un tappeto.
Quello che posso garantire è che nessuno mi ha mai detto che cosa dovevo o non dovevo scrivere, potevo o non potevo. Detto in questo modo, mi sento di essere stato intellettualmente onesto, o perlomeno uniforme.
Ma per progredire occorre talvolta fare anche dei passi indietro per osservare la scena più nel suo insieme. Sarò felice il giorno in cui sul sito Fiso si tireranno delle oneste bacchettate a fronte di evidenti mancanze, magari avessi avuto il coraggio di tirarle io!... ma solo se tutto il movimento sarà cresciuto nella direzione giusta per premiare i migliori e penalizzare i pigri. Oggi forse c'è troppo bisogno anche di questi ultimi per mandare avanti la barca...

Comunque non c'è un discorso di dimissioni (da dove?) o di abbandono, solo un tentativo di portare forze fresche, nuove e competenti. Credo e spero che l'anno prossimo ne vedremo delle belle, se le cose andranno in una certa direzione ci potranno essere delle liete sorprese!

Ps: per Zonori: un giorno o l'altro avrò bisogno di un consiglio per un bigino di finlandese-italiano (questioni di scacchi)

Ps: per Rusky: guarda che Mr. Owen ha già scritto a Dario, sono curioso di leggere!

Grazie a tutti e due,
Stefano

 
At 1:51 PM, Anonymous rusky said...

Per Zonori: scusami, ma se faccio certe battute a Stegal è perchè dietro ci sono cose maturate nel tempo che entrambi conosciamo. E' vero che molti leggono però è altrettanto vero che questo è il suo blog e mi permetto di scherzare con lui. Per quanto riguarda le presenze negative ti posso assicurare che esistono magari a partire da coloro che abolirebbero tutti i blog e forum,

 
At 12:57 AM, Blogger zonori said...

No dai, il cirillico no! Almeno rimaniamo all'alfabeto occidentale!
Scusa l'ignoranza, ma cos'è il "bigino"? (Ti ricordo che sono nato nel 1955).
Anch'io voglio ringraziare entrambi.

 
At 2:22 AM, Anonymous vincenz studente said...

Dicesi "bigino" una raccolta cartacea dei concetti essenziali di qualsivoglia materia... il "bigino" viene utilizzato per passare studiando solo il giorno prima della prova...

Io ai miei tempi preferivo comunque affrontare i compiti con collaborazioni di gruppo ( famose le versioni di latino a cura del trio Crippa-Terraneo-Zanella con errori volontari e differenti per depistare il professore ) oppure con i più noti bigliettini o scritte sul muro... la tradizione proseguì poi all'università

Quanto mi mancano gli esami...

 
At 3:14 AM, Blogger zonori said...

Un Bignami ancora più ristretto e casereccio insomma ...

 
At 4:40 AM, Anonymous vincenz said...

Esatto forse potrebbero essere sinonimi

 
At 4:50 AM, Anonymous stefano said...

Penso che ormai siano proprio considerati sinonimi; ai miei tempi c'erano anche i "Cirannini"... ma insomma si entrava in cartoleria e si chiedeva il bigno o il Bignami di questo o di quello, e poi si vedeva cosa c'era disponibile

Stefano (bei tempi, ma non li rimpiango)

 
At 11:50 PM, Blogger zonori said...

Certo che come abbreviate i termini voi "lumbàrd" ...
il "bigno" ... due "ana" ...
ah, ah, fantastico ...

 

Post a Comment

<< Home