Stegal67 Blog

Tuesday, December 12, 2017

50 lanterne: clamoroso al Cibali!


“Frozen Tundra” in gergo sportivo sta a rappresentare uno sport preciso in un posto preciso: il football americano, la squadra dei Green Bay Packers, lo stadio Lambeau Field. Uno stadio all’aperto a Green Bay, Wisconsin, dove in inverno si raggiungono condizioni estreme e prevalgono le tre “effe”: freddo, fango e fatica. Lasciamo il Wisconsin ma portiamo con noi le tre “effe”, aggiungiamoci una buona dose di rovi, buttiamo tutto in salsa orienteering ed otteniamo la gara che da qualche anno a questa parte chiude la stagione regionale lombarda: la “50 lanterne” che comincia ad attirare partecipazione anche dalle regioni limitrofe e dalla Svizzera. 50 lanterne distribuite su un’area che fa provincia, 3 ore di tempo massimo per punzonare più lanterne possibile, e chi sgarra anche solo di 1 secondo è fuori classifica.

L’edizione 2017, disputata il 10 dicembre nella frozen tundra dei Boschi di Calò, Montemerlo e Canonica con partenza ed arrivo a Calò, sarà ricordata come la più dura nella storia ormai quinquennale di questa competizione: una autentica mazzata di oltre 18 chilometri stimati, con dislivello stimato di 400 metri positivi da fare su e giù lungo i valloni fangosi e pieni di rovi delle Valli del Pegorino e Cantalupo. Per fortuna degli orientisti (ma non del clima meteo di questi ultimi anni), la siccità ha prosciugato i torrenti rendendoli talvolta simili ad un sentiero sconnesso ma chiaramente tracciato in mappa; altrimenti, se si fosse aggiunta anche l’acqua, alle 3F ed ai rovi si sarebbero aggiunti chissà quanti attraversamenti dell’acqua gelida… Mi basta ricordare che l’anno scorso la gara era stata vinta da Sebastian Inderst con il tempo di 1 ora e 7 minuti, e che quest’anno la gara è stata vinta da Alessio Tenani e Samuele Curzio con il tempo di 2 ore e 12 minuti! Praticamente il doppio!

In questo contesto di frozen tundra è “CLAMOROSO AL CIBALI!” il secondo posto conquistato dallo speaker nella categoria M19-34 dietro (molto dietro…) a Samuele. Tra i miei innumerevoli difetti: non corro forte sui sentieri, non corro-e-punto in salita, incespico in ogni ramo e mi potete trovare spesso a litigare con i rovi. Se proprio dobbiamo trovare due doti: mi fiondo giù per i valloni fangosi con il posteriore per terra come nemmeno il miglior Armin Zoeggeler (per la delizia di tutti i presenti che non ci si azzardano nemmeno…) e, dopo aver seguito pedissequamente per due ore il coach Marco Giovannini, decido di fare ritorno al traguardo nell’ultimo momento utile per far segnare un tempo di 2 ore 58 per 43 punti di controllo. Gli altri iscritti in categoria? O non pervenuti al traguardo entro le tre ore, o arrivati con un numero di punzonature inferiori. E chi ha detto che l’orienteering non è (anche) un sport di cervello?
Quando, subito dopo le premiazioni, ha cominciato a nevicare di brutto qualcuno ha detto che è stata colpa mia, perché con un secondo posto nella “50 lanterne” potevo solo far venire la neve!



4 Comments:

At 1:38 PM, Anonymous Anonymous said...

👏🏻👏🏻👏🏻😇

 
At 12:06 AM, Anonymous Anonymous said...

Il tuo percorso?
Facce sogna'
Un FTM

 
At 2:49 AM, Anonymous Anonymous said...

Complimenti Stefano! Ammetto la mia cocente sconfitta, però mi piace pensare che sia un po' anche merito mio. Spuntandoti improvvisamente davanti in mezzo al bosco e puntandoti il dito in faccia lanciandoti la sfida spero di averti stimolato ad ottenere il massimo dalle tue indubbie capacità orientistiche (e anche atletiche ;-) )
Spero di aver presto un'occasione per la rivinciata. Daniele

 
At 11:47 AM, Blogger Rusky said...

Non mi ricordo se dicembre fa parte della stagione 2017 o 2018...

 

Post a Comment

<< Home